Connect
To Top

NAPOLI – TORINO 5 – 3

Un Napoli dirompente, galattico, si riprende la sua giusta posizione in classifica. Il telecronista di Rai Italia (la giostra del goal), in diretta intorno al trentesimo del primo tempo ha affermato: “Napoli show”.

Bravi tutti, con un Lorenzo Insigne sugli scudi per tutto il primo tempo e per buona parte del secondo.

img_0508

Il nostro grande MERTENS.

Su tutti il galattico: Dries MERTENS. Irrefrenabile! Dopo la tripletta ha calato il poker, e che poker!!!

Il quinto goal (quarto personale), è un goal spettacolare e sublime che ci ricorda il nostro Re Diego. Comunque la manita è ritornata di moda a Napoli, così come lo scorso campionato.

Voglio ricordare anche il quarto goal siglato dal buon Chiriches, un goal su azione da manuale: bravo Chiriches e bravi tutti quelli che hanno partecipato all’azione.

Non poteva mancare il golletto subito, ma va bene così, perché gli altri due goal sono un regalo degli arbitri che non vedono che il nostro portierone aveva la mano sul pallone quando il giocatore del Torino la calcia in rete, mentre il rigore mi sembra un regalo. Anche i vari telecronisti che ho ascoltato, non hanno capito quale fallo, se fallo c’è stato, è stato punito.

Comunque è un piacere vedere questa squadra. Ci riconcilia con il calcio e con lo spettacolo. Arrivo a dire che sarei contento di vedere anche una sconfitta della nostra squadra del cuore dopo una simile prestazione.

Ora siamo ritornati sotto le prime della classe: Juve 42, Roma 35 e Napoli 34, con 37 goal fatti e 18 subiti, e con un capocannoniere di nome Mertens con ben 10 goal: grande finto nueve!!!

Voglio chiudere qui questo mio intervento, caliamo come sempre il sipario su questa partita, e testa e attenzione alla prossima sfida prima della sosta natalizia a Firenze il prossimo giovedì.

img_0511

Forza Napoli sempre e comunque!

 

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

More in Editoriale