Connect
To Top

L’AEM Lleida riscrive la storia del calcio!

 

 

Catalogna, Spagna – Le ragazze dell’AEM Lleida, squadra Infantil femminile catalana composta da giocatrici tra i 12 e i 14 anni, riscrivono la storia del calcio.

Da tre stagioni, questa squadra di calcio femminile, partecipa alla Segunda División Infantil masculina, ovvero il campionato provinciale maschile catalano, e nell’ultimo anno hanno stravinto, con numeri fuori dal comune!

La domanda sorge spontanea: com’è stato possibile il raggiungimento di un simile traguardo? E’ stato il loro allenatore Dani Rodrigo, ad avere, tre anni fa, l’intuizione di iscrivere queste ragazze al campionato provinciale maschile. Una scelta originata da motivi economici, in quanto iscrivere la squadra al campionato regionale femminile, avrebbe portato trasferte lunghe e dispendiose.

Appena convinti i genitori, è partito il progetto. I primi due anni sono stati difficili, la squadra perdeva spesso e veniva spesso derisa dai coetanei delle squadre maschili e anche dai genitori di quest’ultimi. Ma alla fine le ragazze delll’AEM Lleida hanno celebrato un trionfo storico, mettendo a tacere tutti.

sport-720x0-c-default

21 vittorie, 4 pareggi e solo una sconfitta, questi alcuni dei numeri che le hanno contraddistinte. La punta di diamante è Andrea Gómez che ha segnato ben 37 gol in 21 partite.

La vittoria ha catapultato l’AEM Lleida sulla ribalta mediatica: dall’Europa agli Stati Uniti. Sono molti gli inviti recapitati alle ragazze di Dani Rodrigo per partecipare a tornei internazionali.

Adesso però c’è da affrontare un problema che non le ha mai abbandonate, quello economico. Sergio Gonzalez, presidente della squadra, si è rivolto ad internet, lanciando una campagna di crowdfunding sulla piattaformaGoFundMe, che ha l’obiettivo di raggiungere 10.000 euro per aumentare il numero di squadre e potenziare le infrastrutture esistenti.

Con questa vittoria, queste giovani ragazze, hanno mandato un messaggio potente al mondo intero. Hanno fatto sacrifici e tanti sforzi per arrivare dove sono adesso; hanno sconfitto pregiudizi, diffidenze, discriminazioni di genere e la paura del diverso. Con la speranza che, un giorno, tutto questo finisca e ci sia una reale parità dei sessi.

 

Cristina Ciaravolo

 

 

 

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

More in News