Connect
To Top

C’erano un belga, uno spagnolo ed un napoletano. Il Napoli parte da qui.

Il Napoli riparte dai tre fenomeni che hanno segnato il cammino degli azzurri in questa stagione. Per Mertens, ormai non più “falso nueve”, è arrivato il rinnovo del contratto dopo mesi di indecisioni, voci e paure che potessero vedere il folletto belga vestito con un’altra maglia. Ormai ufficiale la notizia che vedrà il nostro “Ciro” vestire la casacca azzurra fino al 2020 con un adeguamento del contratto: guadagnerà, infatti, 4 milioni l’anno con (solita) clausola rescissoria fissata a 30 milioni, valida solo per l’estero (per evitare altri casi “Higuain”) a partire dal prossimo anno.
Il rinnovo di Insigne è già noto dallo scorso aprile. Contratto prolungato fino al 2022 e guadagno di 4,5 milioni di euro. Pratica Callejon archiviata già lo scorso Luglio che lo vedrà azzurro fino al 2020.
Con il campionato ai titoli di coda, il Napoli pensa già al prossimo futuro. Voci che trapelano da Castel Volturno, raccontano di un patto tra allenatore e calciatori: ricominciare dagli stessi e con il presidente, intervenire sul mercato lì dove c’è bisogno.
Quasi certe le cessioni di Rafael Cabral e Luigi Sepe, i due estremi difensori non visti all’altezza per difendere i pali anche quando Reina non è stato in grado di scendere in campo dopo l’infortunio muscolare subito a cavallo della doppia sfida contro la Juventus nel mese di Aprile (una sola presenza in campionato e una in Coppa Italia per il brasiliano, zero per il napoletano). Da valutare anche lo stesso Reina, ormai leader del Napoli, accusato di indecisioni sui gol che hanno costato molti punti ai fini del campionato.
Negli scorsi giorni, voci insistenti di un eventuale sostituto dello spagnolo, hanno riempito le pagine dei quotidiani sportivi. 2373Si parla di Szczeny, portiere rientrante all’Arsenal dopo il prestito alla Roma; Skorupsky, oggi portiere dell’Empoli di proprietà della Roma; Neto, secondo portiere della Juventus; Sirigu, ormai secondo del Paris Saint Germain oppure puntare su portieri giovani come Meret, protagonista del ritorno in serie A della Spal dopo 49 anni, in prestito dall’Udinese, o Cragno, oggi al Benevento nella lotta ai playoff, in prestito dal Cagliari.
Storia analoga nel reparto difensivo. Quasi certe le presenze di Hysaj, Strinic, Raul Albiol e Koulibaly. Ancora da valutare la presenza per il prossimo campionato di Ghoulam. Infatti da partente certo, pare che, il terzino algerino, abbia fatto marcia indietro ed è disponibile a ritrattare il contratto con il Napoli.
In forte dubbio, invece, le presenze di Chiriches e Tonelli. Il capitano della nazionale Rumena non ha mai convinto nelle sue uscite, anche se spesso preferito a “Mister 30 milioni” Maksimovic. Per quanto riguarda l’ex difensore dell’Empoli, pare che il presidente del Torino, Cairo, lo abbia chiesto in prestito. Anno sfortunato per Lorenzo, costretto, quasi sempre, fermo ai box, totalizzando appena 3 presenze in campionato, e due gol: da ricordare la rete alla Sampdoria, durante i minuti di recupero, che valse i 3 punti. Nell’affare sembra porterebbe Tonelli sotto la Mole, in cambio Barreca.
Con la, quasi certa, rescissione del contratto di Maggio, la società partenopea e in cerca di terzini. In lizza Conti dell’Atalanta e Zappacosta del Torino.Andrea-Conti-582118
Certezze per quanto riguarda il centrocampo. Anche se tabloid inglesi parlano di un assalto del Liverpool, e altre società, a Zielinsky, la società è decisa a trattenere il polacco, almeno per un altro anno. Riconfermati, dunque, Allan, Jorginho, ovviamente il capitano Hamsik, e le promesse Diawara e Rog.
Per quanto riguarda il reparto offensivo, l’addio di Giaccherini è quasi certo, come quello di Pavoletti, mai entrati nelle tattiche di gioco di Sarri. Conferme per Arkadiusz Milik, che, dopo la rottura del crociato, non ha mai recuperato in pieno la forma fisica.
Da trovare, dunque, un sostituto per lo stacanovista Callejon, e magari qualcuno che possa far rifiatare Insigne. Si pensa a Keita Balde della Lazio, ma il presidente Lotito conosce bene le potenzialità del senegalese, e non lo lascerà partire con tanta facilità.

NAPLES, ITALY - OCTOBER 07: Edinson Cavani of SSC Napoli looks on during the Serie A match between SSC Napoli v Udinese Calcio at Stadio San Paolo on October 7, 2012 in Naples, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)


Il sogno, per molti tifosi, dopo le ultime dichiarazioni, resta comunque il ritorno del Matador Cavani, che non ha mai dimenticato la città partenopea. 

Questi sono solo alcuni nomi della lista del Napoli, ma come il presidente è abituato a farci, ci saranno delle sorprese.

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

More in News