Connect
To Top

Puntare sui giovani………….

Da anni sento la solita frase ” il Napoli deve puntare sui giovani”.

Non vi è dubbio alcuno, che le squadre debbano puntare sui giovani, sulle giovani leve, su un settore giovanile importante, su una squadra primavera dalla quale attingere giocatori per la prima squadra una volta pronti.

Ora mi sento di dare alcuni consigli al nostro Presidente ed a Giuntoli.

Per il dopo Reina, consiglio di puntare su un giovane di 17 anni, si chiama Donnarumma, ovviamente non ha esperienza ma è un giovane di belle speranze, basta pagare una piccola clausola rescissoria di 100 milioni di euro al Milan ed è fatta, altrimenti per Meret o Scuffet, basta rivolgersi all’Udinese e sborsare una trentina di milioncini.

In difesa sempre dal Milan si potrebbe pensare di prendere  un certo Romagnoli, alla sua prima esperienza in una big non ha fatto grandi cose, ma con una quarantina di milioni si prende e potrebbe essere una sorpresa, altrimenti per Caldara, Rugani o Calabria con una trentina di milioni ce la si cava facilmente.

Sugli esterni punterei sui vari Zappacosta, Conti, o Spinazzola, penso che per loro una ventina di milioni possano bastare.

In attacco punterei tutto su giovanissimi talenti del Genoa : Salcedo e Pellegri. L’inter pare li abbia acquistati per circa 60 milioni ma rilanciando adeguatamente si potrebbero portare a casa, anche se il vero colpo potrebbe essere un giocatore diciottenne del Monaco, un certo Mbappè, con 150 milioni forse si prende!

Signori, ma stiamo scherzando!!!!!

Qui si parla di milioni come fossero noccioline. Di calciomercato nessuno ne capisce nulla, non se ne capiscono le dinamiche. Lasciamo fare ai nostri dirigenti, che sono bravi, esperti e riescono a prendere giocatori giovani senza spendere cifre folli, Diawara, Koulibaly, Rog, Zielinsky, Hysai, Milik ne sono un esempio.

 

 

 

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

More in Editoriale