Connect
To Top

Napoli – Benevento 6-0 Gara senza storia

La formazione Sannita nelle prime tre uscite stagionali aveva raccolto applausi per il gioco, per la tenacia e per il carattere, pur senza raccogliere punti, al San Paolo invece ha fatto una bruttissima partita, senza mai mostrare ne un gioco, ne tantomeno carattere, venendo sovrastata dalla formazione partenopea che chiude la gara già dopo 3 minuti con un gol di Allan. Troppo forte questo Napoli, troppo debole questo Benevento. Non c’è mai stata partita, mai reazione dei sanniti, mai una azione in area, mai un pericolo. Onestamente mi è sembrato di assistere più ad un allenamento che ad una partita di serie A. Lo stesso Sarri, schierando la migliore formazione possibile, ha dimostrato di temere il Benevento, giustamente, per quello che aveva fatto vedere precedentemente, ma una volta sbloccata la gara, la formazione Sannita si è sciolta come neve al sole.

Troppo grande il divario tra le due squadre, troppo grande il divario tra le squadre top del campionato e quelle che dovranno combattere per evitare la retrocessione. Credo che onestamente si dovrebbe pensare seriamente ad un campionato a 18 o addirittura 16 squadre.

Da segnalare la tripletta di Ciro Mertens, due su rigore, la sostituzione di Callejon a 25 minuti dalla fine, la prestazione importante di capitan Hamsik che ha più volte cercato la via del gol e le prestazioni di Giaccherini e Ounas che da subentranti hanno procurato i due rigori.

Gianluca di lauro

 

Foto dal sito ufficiale sscnapoli.it

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

More in Editoriale