Connect
To Top

Benevento: Favola o Incubo?

Doveva essere l’anno della conferma. Una storica promozione nella massima serie. Due promozioni in due anni. Dalla Lega Pro alla serie B e, passando per i playoff, dalla Serie B alla Serie A. Purtroppo, però, la favola della “Cenerentola” Benevento non sta andando come sperato. La squadra sannita batte di settimana in settimana record negativi. Domenica 29 ottobre è stata l’undicesima sconfitta sulle prima undici partite di campionato. Nessuno si sarebbe aspettato un inizio del genere, anche perchè, nelle prime tre giornate, avevano dimostrato, pur perdendo, che la potevano affrontare la serie A con spirito e voglia di lottare.

Nella prima giornata di campionato, contro la Sampdoria, al Marassi, ci fu la prima rete nella storia del Benevento in serie A firmata da Ciciretti, rimontati, nel corso del match, dalla doppietta del napoletano Quagliarella, incassando la prima sconfitta.

Nella prima partita in casa, i giallorossi, contro il Bologna, agguantarono il pareggio nei minuti di recupero ma, con l’ausilio del VAR, venne annullato la rete per fuorigioco.

Sfortunati contro il Torino, sempre tra le mura di casa, dove subirono il gol di Ljajic proprio nei minuti di recupero.

Il primo blackout, gli uomini dell’allora tecnico Marco Baroni, lo ebbero proprio nel derby campano contro il Napoli, incassando un sonoro 6-0. Da allora si è vista una squadra sempre più in difficoltà, non aiutata dal calendario (Roma, Inter, Fiorentina e ultima la Lazio nel suo percorso), ma anche molto sfortunata; fotografia del campionato, fino ad oggi, è il match contro il Cagliari al “Sardegna Arena”, dove, agguantato il pareggio nei minuti di recupero con un calcio di rigore firmato da Iemmello al 94′, subirono la rete del Cagliari,ad opera di Pavoletti, al 95′.

Come ovvio, i tifosi e il sindaco Clemente Mastella, non sono felici di vedere la squadra perdere ogni partita, ma soprattutto aspettare questo primo punto che tarda ad arrivare. Secondo i tifosi, infatti, la colpa è della società rea di non aver fatto un mercato adatto alla serie. Il presidente Vigorito, recentemente si è sfogato dichiarando: “In undici anni ho conquistato tre promozioni, più due scippateci per illeciti sportivi certificati: trovate un altro presidente che ha fatto meglio di me “. Certo, i dati danno ragione al patron sannita, che ha speso circa 17 milioni di euro nel mercato di agosto, più altri 2 milioni per mettere lo stadio “Ciro Vigorito” a norma ma, al momento, non si vedono i risultati sperati.

I prossimi incontri non sono dei più facili (Juventus, Atalanta e Milan); adesso sta al tecnico De Zerbi, subentrato a Baroni, stimolare i giocatori affinché la favola della “Cenerentola” Benevento, non si trasformi in un vero e proprio incubo.

Francesco Del Piano

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

More in News