Connect
To Top

Il gioco si fa duro!

di Ciro Ianuale.

Siamo alla dodicesima giornata, Napoli primo con 32 punti frutto di un cammino stratosferico fatto da 10 vittorie e 2 pareggi. Ma non basta correre cosi tanto per staccare le concorrenti, Juve e Roma si avvicinano, ed i giallorossi sono quelli più in forma e sono anche i più temibili perchè hanno armi letali!

Non dimentichiamo poi che i campi da gioco diventeranno inevitabilmente più pesanti!

Il Napoli ha assorbito il contraccolpo psicologico della sconfitta in Champions, dell’infortunio di Ghoulam e l’indisponibilità di Reina,  e nonostante questo la difesa ha tenuto benissimo. Contrariamente agli altri anni abbiamo una difesa più sicura che sembra essere in questo momento il punto di forza di questa squadra!

I numeri parlano ancora tutti a nostro favore, 10 vittorie, 32 punti, seconda difesa e secondo attacco dicono che meritiamo il primo posto!

Le prossime partite sono favorevoli e nelle prossime 3 gare, se vogliamo ambire allo scudetto, dobbiamo fare bottino pieno. Il Milan sembra essere squadra appetitosa, quella che in questo momento fa meno paura, le rivali romane hanno il derby e la Juve ha di fronte la forte ed in forma Sampdoria, l’Inter giocherà il derby lombardo con l’ostica Atalanta: è il momento di approfittarne! Poi andremo ad Udine, squadra lunatica che spesso ci ha messo in difficoltà, ma questo anno è palesemente più debole, e quindi c è la Juventus qui in casa, dovrà venire nella bolgia san Paolo. Non dobbiamo e non possiamo toppare, dobbiamo stenderli ed allungare, alla fine di questo miniciclo dobbiamo cercare di allungare sulle seconde di almeno 4 punti vincendole tutte, perché poi alla fine del girone di andata con i campi pesanti e bagnati, avremo due sfide pericolosissime contro Torino e Sampdoria! Avanti Napoli la strada è lunga e tortuosa ma hai le qualità di superare alla grande tutti gli ostacoli, incrociamo le dita!


Articolo gentilmente offerto da:

05F7F70D-973A-450A-B0CA-1F380B7CC6A4

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

More in Editoriale