Connect
To Top

I fatti sono fatti e non si possono cambiare!

Il Napoli come sempre va a “toppare” gli appuntamenti importanti.

Prendo spunto dalla partita Inter – Chievo, finita per ben 5 a 0 a favore dell’Inter.

La squadra nerazzurra risponde sul campo come si dovrebbe, andando a vincere alla grande contro il Chievo per prendersi la vetta della classifica.

Voglio porre una domanda: ma se al posto dell’Inter fossimo stati noi del Napoli a dover per forza vincere contro il Chievo per passare primi in classifica, come sarebbe finita?

I fatti dicono che quest’anno il Napoli è stato “preciso” nel toppare i due appuntamenti più importanti della stagione: in casa con l’Inter abbiamo pareggiato senza impensierire più di tanto gli avversari, e venerdì primo dicembre abbiamo perso in casa contro la Juve. Anche in questa partita la Juve ha fatto due azioni per poi gestire in tutta tranquillità la partita senza grossi problemi.

Voglio poi ricordare che in Champions siamo con un piede fuori, perché siamo andati a “toppare” la partita di esordio in terra ucraina, contro una buona squadra, ma sicuramente inferiore al Napoli sotto tutti i punti di vista (la partita di ritorno ne è una conferma!).

I fatti dicono (ovviamente i fatti non si possono cambiare, è  quello che è accaduto in maniera nuda e cruda), che il Napoli oggi 3 dicembre non è più primo in classifica, ed è quasi fuori dalla Champions.

Siamo in fotocopia dello scorso anno. Bellissime partite, finale di campionato alla grande, bellissimo gioco, senza perdere tante partita, serie di risultati positivi da record, quattro giocatori in doppia cifra per quanto riguarda le marcature, attacco più prolifico … risultato? Eliminati dalla Coppa Italia, fuori dalla Champions, terzi in campionato e preliminari di Champions.

Siamo sulla stessa strada!

Vorrei non essere frainteso. Non sto esprimendo una mia opinione, sto esponendo dei fatti. Oggi la situazione è questa. Invito tutti ad andare indietro con la memoria non solo allo scorso anno. Gli azzurri sono sulla cresta dell’onda da tanti anni: risultato? Lo conosciamo bene tutti!

Mi aspetto una risposta sul campo seria, concreta e soprattutto continuativa.

 

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

More in Editoriale