Connect
To Top

Napoli – Fiorentina 0-0 Il Napoli ha dato tutto quello che aveva, questo è il guaio!

Napoli – Fiorentina 0-0

Ultimamente la formazione partenopea ha mostrato evidenti segnali di involuzione sia nel gioco sia anche nelle prestazioni individuali e nei risultati. Appare evidente un calo fisico e mentale di questa squadra. Nel primo tempo la squadra sembrava svuotata di forze ed entusiasmo. Sarri ha provato a mettere mertens sulla fascia e zielinsky centrale con pessimi risultati in avanti e a centrocampo allan molto spostato sulla fascia, hamsik lento come non mai e jorginho sempre sopraffatto perché in inferiorità numerica, non hanno garantito filtro alla difesa che in più occasioni è andata in sofferenza. A fine primo tempo zero tiri in porta del Napoli mentre i viola hanno avuto almeno 3 occasioni per segnare. Nel secondo tempo qualcosa è cambiato, zielinsky tornato a sinistra ha avuto le due migliori occasioni, mertens centrale ha creato qualcosina supportato da Allan tornato al centro e più incisivo, Hamsik ha avuto due ottime chances per segnare, e la Fiorentina èandata in difficoltà. Il pareggio è il risultato più giusto partite così si possono anche perdere. La rosa del Napoli non permette al mister di avere valide alternative di gioco e senza i lampi di Insigne e la velocità di manovra la squadra offre prestazioni mediocri. C’è anche da dire però che a volte forse si può cambiare modulo, osare di più, inserire qualche uomo fresco prima. Trovo assurdo che vi siano giocatori inutilizzati quando altri non ce la fanno più. Ci vorrebbe anche un po’ di duttilità da parte del mister. Se gli uomini a disposizione non si adattano al suo schema delle due l’una o cambia schema o utilizza sempre gli stessi uomini che però non possono reggere una intera stagione. Sarri sembra aver optato per questa seconda ipotesi. L’unica nota positiva è il secondo posto da difendere con i denti in questa fase di declino che ci auguriamo sia breve.

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

More in Editoriale