Connect
To Top

Napoli corsaro nello Juventus stadium!

di Ciro Ianuale.

Un serata stupefacente, dove nulla era scontato, una serata magica, inizia subito con un Napoli reattivo e padrone del campo che pressava gli avversari alti, fin dentro alla loro area di rigore,  dove una Juve più nervosa del solito spazzava via palloni senza giocarli e con continui falli talvolta anche cattivi. Ma la straordinarietà si percepiva anche in una rarissima regolarità di direzione di gara, stranamente, e come non siamo per niente abituati. L’arbitro fischiava in egual modo falli ad entrambe le squadre, ed alzava 3 cartellini gialli alla compagine juventina, segno che la partita si sarebbe svolta con regolarità, poi il palo sull’ unica azione gol dei bianconeri su punizione di Pjanic che gela il cuore dei napoletani.  Il Napoli poi sale in cattedra, azioni gol si susseguono, la Juve è alle corde ma il gol non vuole proprio arrivare, entra Milik a dare una spinta in più all’ assalto finale, ma non sembra essere incisivo , tiri deboli ed imprecisi del polacco sembrano aprire le porte all’ ennesimo pareggio che chiuderebbe quasi definitivamente le porte alla possibilità che si concretizzi il sogno nel cuore.

Minuto 89 angolo per gli azzurri, Callejon crossa al centro dell’ area, il pallone supera Milic ma il padrone dell’ area di rigore è il Senegalese Koulibaly che si alza a 2,5 metri! Stacco perentorio nonostante la spinta di Benatia, ed insacca alla destra di Buffon: è l’apoteosi, i napoletani al settimo cielo adesso ci credono , adesso quel misero punticino di vantaggio sembra non esserci più. La Juve deve vincerle tutte se vuole cucirsi il settimo scudetto sul petto, il Napoli da oggi avrà in tutti gli stadi 60 mila cuori a sostenerli, il campionato italiano torna ad essere avvincente, finalmente potrebbe premiare una volta tanto chi gioca un grande calcio! Avanti Napoli!

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

More in Editoriale