Connect
To Top

La prima conferenza stampa

Le prime parole: “Sono a Napoli per vincere e per creare qualcosa di positivo. Qui ho trovato un gruppo forte e una Società ambiziosa“.

 

Fonte sscnapoli.it

Cosa l’ha spinta ad accettare Napoli?

Semplicemente tre fattori. Per primo perchè il Napoli ha creduto nelle mie capacità. Secondo: la voglia di tornare in Italia. Terzo:  la voglia di lavorare con una Club che ha un progetto interessante e tanta voglia di crescere e migliorare”.

“Poi dal punto di vista tecnico trovo una squadra che ha una filosofia di gioco molto vicina alle mie idee. 
Sono venuto a Napoli con grande esntusiasmo e con l’obiettivo di rendere la squadra competitiva al massimo in tutte le competizione e su tutti i fronti sia in Italia che in Europa”

L’anno scorso il Napoli ha ottenuto 91 punti, una eredità importante:

“Questa squadra ha fatto un campionato straordinario. Ma un campionato si può vincere anche ad 85 punti non per forza a 94. Il Napoli l’anno scorso ha fatto il massimo, noi proveremo a proseguire su quella strada”.

Cambierà modulo di gioco?

“Dipende da cosa intendete per modulo. Il discorso è molto più semplice. Ho ammirato il lavoro che ha svolto Sarri e non sono certo qui per cancellare quello che è stato fatto ma solo per crescere e portare le mie idee. Mi piace una squadra che impone il proprio gioco, che è corta in campo e che sa esprimere la propria mentalità”.

Dopo l’arrivo di Ronaldo come pensa di poter contrastare il potere Juventus?

“La Juve non è il potere, è una squadra molto forte, un grande avversario. Ma di avversari ce ne sono anche altri in campionato. Noi dobbiamo pensare solo al nostro percorso. Partiamo per vincere, nessuno parte per arrivare secondo. L’ambizione e la motivazione sono grandi. Abbiamo una squadra giovane, uno staff giovane, un Presidente che pensa in maniera giovane e un ambiente che sinora ho vissuto solo da avversario ma del quale conosco benissimo la passione e il calore”.

“Ronaldo forse è il miglior giocatore al Mondo. Il calcio italiano trae grande vantaggio da questo ingresso e magari non è un caso che nello stesso anno siamo in Serie A sia io che Cristiano. Magari tra dieci anni si potrà ricordare di questo campionato….”.

Cosa ha chiesto al Presidente per migliorare la rosa?

Io non ho chiesto nessuno, a differenza delle cose che ho letto e delle presunte telefonate che avrei fatto ad alcuni giocatori. Io in queste settimane mi sono sentito spesso con Giuntoli e con De Laurentiis. Non è mia abitudine chiedere giocatori perchè so che ogni Società ha le sue direttive e le proprie capacità. Per ora ci manca solo un difensore laterale destro al quale stiamo lavorando”

“Non è facile migliorare questa rosa. La prima cosa che ho detto al Presidente è di manterene questo gruppo e questa base sulla quale poi abbiamo aggiunto dei giocatori giovani molto bravi, dei profili che pensiamo possano migliorare la rosa. Voglio un gruppo solido e altruista. La prima qualità che scorgo in un calciatore è l’altruismo”.

Sulla posizione di Hamsik e sui nuovi acquisti. Ancelotti è molto chiaro:

“Hamsik credo possa giocare nella posizione di Jorginho, ha qualità per assumere quel ruolo in maniera perfetta. E poi abbiamo un giovane, Diawara, che in quel ruolo ha già dimostrato il suo valore”.
“Meret è un portiere giovane di talento che ha grande tecnica. Karnezis ha l’esperienza per aiutarlo nella crescita. Inglese è un attaccante di Grandi potenzialità. Fabian Ruiz è un centrocampista che può  giocare sia mezzala destra che sinistra. Verdi è un attaccante versatile che può darci varianti di gioco sulla trequarti. Avere più giocatori in una posizione di campo può aiutarti ad avere valide alternative anche di gioco nella stessa partita”.

Fare bene in Champions è un obiettivo preminente:

“Superare il gruppo Champions è certamente un traguardo importante al quale puntiamo. In Europa saremo competitivi e cercheremo di lottare su tutti i fronti almeno fino a marzo. Poi vedremo dove saremo”
“Questa squadra negli ultimi anni è stata al top, quindi più che crescita io parlerei di stabilità e di continuità. Cercherò di mettere a disposizione la mia esperienza e la mia conoscenza, ma ho la certezza che questa squadra abbia già grandi conoscenze tecniche”.
In un suo libro ha detto che l’obiettivo di un allenatore è rendere felice il Presidente. Come pensa di fare felice De Laurentiis?
“Il Presidente per ora ha reso felice me perché mi ha ospitato due giorni meravigliosi a Capri. 

La felicità penso che si raggiunga insieme perché Presidente e allenatore viaggiano a braccetto in sintonia. Entrambi abbiamo l’ambizione di fare bene, i suoi desideri sono gli stessi miei. De Laurentiis fa parte di una lista di uomini di calcio e di spessore con i quali ho avuto la fortuna di lavorare”.

Infine un messaggio al popolo azzurro:

So quanta passione c’è intorno al Napoli e so quanto questa passione può essere un vantaggio per noi. L’ambiente è sicuramente stimolante e ci può spingere a fare il massimo. Si lavora per se stessi, per le proprie ambizioni ma anche per chi è attorno a te. Il mio desiderio ora è quello di rendere felici i tifosi del Napoli”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in News

  • RICORDATE?

    … a buon intenditore poche parole!!!Speriamo che la memoria non sia corta.Comunque per le continue tirate di capelli da parte di...

    Redazione21 settembre 2018
  • Un grande Christian Maggio! – video del goal

    Nel derby Benevento – Salernitana, Christian sblocca il risultato con un goal da bomber di razza.Per la cronaca il risultato finale...

    Redazione21 settembre 2018