Connect
To Top

Champions League : Napoli – Liverpool 1-0

Champions League – Napoli – Liverpool: La partita perfetta!!!

Ancelotti stupisce nuovamente. Indovinare la formazione, lo schieramento tattico, dopo anni di certezze assolute, è sempre più difficile.
Stavolta sceglie una difesa muscolare a 3 con Albiol, Koulibaly e Maksimovic, un centrocampo a 5 con Mario Rui e Callejon sulle fasce ed al centro Allan, Hamsik e Ruiz, in avanti Insigne e Milik, che spesso si scambiano la posizione.
In fase di copertura Mario Rui scende sulla linea difensiva e Ruiz copre la fascia sinistra.
Con questo assetto, con una difesa molto alta, il Liverpool viene pressato a tutto campo ed il Napoli recupera tanti palloni sulla trequarti.
Gli inglesi vengono sopraffatti, sia tecnicamente che fisicamente e non sono mai pericolosi, il Napoli trova il gol solo nel finale, ma avrebbe ampiamente meritato il vantaggio molto prima.
Già nel primo tempo il dominio partenopeo è stato assoluto e ci sono state buone occasioni per Insigne e Milik, nella ripresa invece l’assedio è stato continuo e le azioni sono state numerose, ancora con Milik, Insigne, Callejon, Allan, ma la porta sembrava stregata e quanto un subentrato Mertens ha colto la traversa a pochi minuti dalla fine, sembrava che il pareggio dovesse essere il risultato finale. Poi al novantesimo la zampata finale di Insigne su azione perfetta dei tre piccoletti.
Il Napoli ha dominato per novanta minuti, la concentrazione è stata altissima, l’intensità massima, la qualità del gioco altissima, il pressing perfetto. Voto 10 ad Ancelotti.
Ottimo anche il portiere Ospina, mai impegnato ma un paio di uscite nel finale sono state efficacissime.
La difesa a tre perfetta, con Maksimovic finalmente efficace se gioca con continuità e ha fiducia da parte del tecnico.
A centrocampo giganteggia Allan che sradica palloni agli avversari ed Hamsik dal cui piede partono le azioni migliori, poi Callejon tornante di qualità ed Insigne e Milik terminali offensivi di qualità.
Sottotono Mario Rui e Ruiz. Bene Mertens quando è entrato, non bene invece Verdi.
Avanti così e speriamo che il passo falso di Belgrado non pesi sulla qualificazione.

 

Gianluca di Lauro

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Champions League

  • La “rosa” del Napoli e’ tutta competitiva?

    La “panchina” è lunga o corta?La riflessione viene dalla ultima partita disputata in campionato contro il Frosinone al San Paolo.Volutamente ho...

    sergio ciaravolo12 dicembre 2018
  • Liberpool – Napoli: le pagelle.

     di Ciro Ianuale – Partiamo, non dal portiere, ma dai due peggiori in campo, Mario Rui 3,5 é lui il peggiore in...

    Redazione12 dicembre 2018