Connect
To Top

Che bello!

Bebe Vio, Alex Zanardi e Martina Caironi.

Al Musme di Padova, questi tre campioni di vita hanno donato un braccio, una gamba e una handbike per una nuova area del museo.

Bebe dal suo profilo Instagram: “non sono oggetti qualunque … sono i supporti che ci hanno accompagnato nelle sfide più importanti delle nostre carriere, sono simboli di caduta e di ripresa, di forza e determinazione, ma anche di speranza … perché con l’aiuto della tecnologia possiamo abbattere ogni tipo di barriera e permettere ad atleti, ma anche a persone con piccole e grandi disabilità, di praticare sport, realizzare sogni e vivere a pieno la propria vita.

Cosa è il Musme:

Il MUSME, inaugurato il 5 giugno 2015, è già considerato un’eccellenza a livello nazionale.

Si tratta di un museo di nuova generazione che racconta, con linguaggio rigoroso ma accattivante, lo straordinario percorso della Medicina da disciplina antica a scienza moderna, con particolare attenzione alla storia della Scuola medica padovana.

In equilibrio tra passato e futuro, il MUSME rivoluziona il concetto di Museo scientifico, coniugando Storia e Tecnologia.

Incrocio tra una tradizionale collezione di reperti e un moderno Science Centre, fonde e rinnova gli approcci museali e riesce a conquistare tutti, proponendo un percorso espositivo che si adatta al visitatore: dalla narrazione giocosa per i più piccoli all’approfondimento per gli studiosi.

Queste cose sono così belle che ti riconciliano con la vita.

Bebe, Alex e Martina poi, sono un esempio per i tanti (troppi), che … non amano la vita!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Editoriale

  • Napoli – Torino 0 – 0

    ⚽️ … ancora un pareggio senza goal! ⚽️Dopo il pareggio senza reti di Firenze, un altro pareggio senza goal ma stavolta al...

    sergio ciaravolo17 febbraio 2019
  • Arbitri e VAR: superato tutti i limiti !!!

    ⚽️ Spal – Fiorentina decisa dagli arbitri !!! ⚽️Oggi nella partita Spal Fiorentina si sono superati tutti i limiti. Dopo qualche...

    sergio ciaravolo17 febbraio 2019