Connect
To Top

Francesco Patierno al Suor Orsola Benincasa

Carmine D’Argenio 🖌

 

IL REGISTA FRANCESO PATIERNO E IL SUO “CAMORRA” AL SUOR ORSOLA BENINCASA

Nell’ambito della rassegna multidisciplinare di incontri su mafie e corruzione, ideata e organizzata dal Centro di Ricerca ReS Incorrupta dell’UniversitĂ  Suor Orsola Benincasa, “Camorra”, molto apprezzato a Venezia, è stato proiettato alla presenza del Regista Francesco Patierno, nell’Aula Magna dell’UniversitĂ  Suor Orsola Benincasa di Napoli: un ‘Docufilm’ con la voce narrante fuori campo di Meg, cantante e voce femminile del gruppo dei 99 Posse, tra gli ’90 e 2000. Tratto dalle immagini teche RAI, con il gran lavoro di giornalismo d’ inchiesta di Joe Marrazzo. Si parte dal bianco e nero del Dopo guerra, fino alla Napoli dalle duemila alle quattromila persone dedite al traffico di contrabbando di sigarette degli anni’ 80; passando agli anni ’60 quando la Camorra napoletana diventa una succursale della Mafia siciliana, spostando il tiro dei traffici illeciti da Marsiglia al porto di Napoli.

 

 

Superando così la cosiddetta “guapparia” delle bande e dei duelli diretti, per assumere i contorni dell’organizzazione criminale.  L’entrata in scena di Raffaele Cutolo, che vuole strappare il controllo della Camorra dalle mani dirette della Mafia. Portando a compimento, in concomitanza con la liberazione dell’Assessore Regionale campano Cirillo fatto prigioniero dalle Brigate Rosse, quell’atavico desiderio di passare dall’illegalita’ alla legalitĂ  occulta o meno della ‘Gente che conta’. Segue piccolo dibattito con il Magistrato Paola Piccirillo: “Per far sì che sia archiviata come storia e non prosegua come attualitĂ  quanto visto in questa documentazione di quarant’anni fa’, che potrebbe esser estesa alle paranze dei bambini di oggi; lo Stato non deve abdicare con la tolleranza come strumento di gestione attiva, alla sua amministrazione del welfare. Lo Stato si deve far riconoscere per il ruolo cui è preposto. Non per quello che non riesce ad adempiere”.

Carmine D’Argenio

 

 

 

 

 



 

 

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato.

More in Editoriale