Connect
To Top

Rizzoli: l’audio del caso Pjanic non esiste!

Avrebbe mai potuto dire il contrario?

 

Preferiamo  continuare ad adottare la politica dell’astensione. Preferiamo riportare la notizia da altre testate.

L’argomento è quello che in questi giorni sta esplodendo su tutte le testate giornalistiche e non: “l’audio fra arbitro e Var sul famoso fallo di Pjanic non sanzionato…….” 

Oggi è intervenuto Rizzoli, lo stesso che nemmeno contro le insistenti pressioni del nostro mister dell’epoca Carlo Ancelotti, pressioni dialettiche pulite ed educate (come da costume del sig. Ancelotti), sul caso Napoli Atalanta  (prime giornate del campionato 2019/2020), sul fallo non sanzionato  su Llorente in maniera “pacchiana”, questa “figura” che riveste il ruolo di designatore (ma ex arbitro), non ha mai avuto il coraggio di ammettere l’errore. Questo è solo uno dei numerosissimi episodi “arbitrali” diciamo anti-Napoli.

Adesso questa “figura”, dice che sulla questione Pjanic è tutto a posto.

… è senza vergogna!

Ecco l’articolo da “il corriere dello sport”

Anche il designatore degli arbitri italiani dice la sua a proposito del presunto audio sparito sul fallo di Pjanic in occasione di Inter-Juve, il match del 2018 diretto da Orsato. “È giusto chiarire e non fare confusione – dice a Sky Sport Nicola Rizzoli. Le situazioni da protocollo Var sono le sole ad essere registrate, non dagli arbitri, ma dal provider della Lega che, attraverso la stessa lega e la Federazone, mette a disposizione le clip per fare didattica. Queste clip vengono poi mandate all’Ifab e non sono in possesso dell’Aia. Pecoraro ha richiesto l’intera registrazione di Inter-Juve, una cosa che non esiste e non viene mai fatta. Le uniche registrazioni presenti sono quelle da protocollo”.

https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/serie-a/2020/05/06-69520439/inter-juve_rizzoli_l_audio_sul_fallo_di_pjanic_non_esiste_/

 

 

 



Napoli Fan – contatti solo con messaggio sms oppure whatsapp al 333.1652132

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

More in Editoriale