Connect
To Top

Rijeka – Napoli 1 – 2

DIEGO (DEMNE): BASTA IL NOME!
”e il Napoli si da una mossa !“

Gli azzurri dopo solo tre minuti di partita subiscono un tiro pericoloso dai croati. Meret si è fatto trovare pronto. Resta la mancanza totale di concentrazione di tutto il reparto difensivo e di centrocampo, anche perché dopo soli tre minuti i croati hanno replicato!

Il Napoli nei primi minuti subisce la velocità dei croati (vedi Sassuolo e Az Alkmaar), e risponde con lentezza, sembra un elefante, un bradipo!
Infatti …… minuto 12 e goal dei croati: che pena questa squadra!

I giocatori del Rijeka due passaggi in velocità e sono nella nostra area a tirare in porta. Noi due passaggi e siamo sempre a centrocampo!

L’ammonizione al 22mo di Politano è lo specchio di questo brutto Napoli.
Gli azzurri sono irriconoscibili, subiscono passivamente!

Di Lorenzo (pessime le sue prestazioni in questo periodo), nom riesce a fare un cross degno di questo nome! La squadra non è capace di battere un calcio d’angolo o una punizione “decente”. Problemi questi che abbiamo visto in fotocopia, nelle partite fatte contro gli olandesi in Europa League e contro il Sassuolo in campionato. Qui non vale il proverbio del “non c’è due senza tre!”.

Pertanto vuol dire che questa squadra ha dei problemi seri!

Al 42mo su azione super manovrata, Diego Demne pareggia.

L’arbitro poi ci mette anche il suo zampino, per dire scusate ma ci sono anche io! Ammonisce Koulibaly per un inesistente fallo su contrasto aereo. Croati che come si sfiorano cadono, che disgusto.
Si va al riposo comunque con il risultato di parità. Gli azzurri senza giocare pareggiano. Vuol dire che se giocano con la qualità che sappiamo bene sanno esprimere, si vince in scioltezza.

Il secondo tempo i croati fanno capire di voler fare catenaccio ad oltranza a difesa del pareggio, con eventuali scorribande veloci. Schema che riesce bene grazie agli azzurri che sembrano deconcentrati e fuori di testa fra centrocampo e difesa, e senza idee in attacco.

Minuto 59 dentro Insigne e Fabian Ruiz, per Lobotka (non mi è piaciuto), ed Elmas che non è stato incisivo.
La differenza si fa vedere subito: il Napoli raddoppia con Politano.
Con l’uscita di Lobotka gioca meglio anche Demme. Forse caro Gattuso far giocare Lobotka e Demne insieme non è una buona soluzione, prenda appunti!

Al 69mo ancora cambio, esce un buon Politano, ed entra Lozano.

Al 80mo fuori un buon Petagna e Mario Rui, per Ghoulam e Zielinski.
86mo grande azione in velocità Insigne, Ghoulam e tiro di Zielinski parato in maniera fortunosa dal portiere croato.

Dopo pochi minuti azione simile con Insigne a far da protagonista e Lozano che non riesce ad arrivare a tempo sulla palla in arrivo dalla fascia laterale (cross di Ghoulam).

Finisce la partita ed il Napoli senza giocare e senza meritare, porta a casa il risultato.
Spero solo che Gattuso abbia fatto tesoro ed abbia preso appunti, perché stasera abbiamo vinto grazie al fatto che di fronte avevamo una squadra di basso livello.

Sono contento per la vittoria che ci permette di guardare avanti con serenità in questo percorso a gironi di Europa League, ma mi aspetto ben altro!

Forza Napoli



 

 

 

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

More in Editoriale