Connect
To Top

Napoli – Udinese 5 – 1

Dal risultato si direbbe una partita facile eppure…..
Nel primo tempo la manovra dei partenopei, per i primi 25 minuti, appare lenta e prevedibile, inoltre la squadra friulana si chiude bene in difesa, non sale a pressare a centrocampo e mantiene bene il campo con una buona organizzazione tattica. In questi primi 25 minuti una sola ottima opportunità con di Lorenzo che alza sopra la traversa da pochi metri.
Poi la qualità fa la differenza. Osimhen si inventa uno stop a seguire che lo libera in area di rigore, tiro a botta sicura ma Musso para e sulla respinta Zielinsky la mette dentro. Dopo tre minuti altra giocata di qualità, stavolta di Ruiz, che si inventa un gran tiro da fuori per il due a zero. Ancora una buona occasione per il nigeriano che alza da pochi metri, ma il tiro viene deviato da un difensore.
Ancora una giocata di qualità, stavolta di Okaka che accorcia le distanze a pochi minuti dalla fine del primo tempo.
Nella ripresa la musica cambia, il Napoli alza il pressing, la difesa friulana va in confusione spesso e Lozano, fino a quel momento assente, realizza, rubando palla, la terza rete che chiude la gara definitivamente.
L’Udinese non ha la forza di reagire e il Napoli sciorina gioco e contropiede veloci.
La quarta rete di Di Lorenzo avviene a difesa avversaria ferma su corner, poi la quinta a tempo praticamente scaduto di Insigne.
Sul risultato di 4-1 ci sono state due grandissime azioni del Napoli, la prima finita contro la traversa su gran tiro di Insigne, la seconda di poco mancata da Politano.
Migliore in campo Ruiz, che ha dominato a centrocampo, benissimo Osimhen che ha creato spazi. Nota di merito per Rahmani che fa della semplicità il suo gioco.
Unico insufficiente per me Lozano, quindi sono ancora più contento che abbia segnato visto che il gol è la migliore medicina.
Forza Napoli


0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

More in Editoriale