Connect
To Top

Sassuolo – Napoli 2 – 2

“Grande prestazione degli azzurri macchiata purtroppo dagli infortuni e da un arbitro INCAPACE!

Non si può parlare di una partita comandata dagli azzurri fino al minuto 71, quando arriva il goal di Scamacca su distrazione della difesa del Napoli.
Da quel momento in poi i nostri ragazzi vengono colpiti dalla sfortuna per gli infortuni di Fabian Ruiz e di Koulibaly, e si disuniscono.

Il Sassuolo prende coraggio, e l’arbitro sale in cattedra e decide il risultato!
Dobbiamo ringraziare il Var se il Napoli non perde una gara comandata in lungo e largo sotto tutti i profili. L’arbitro (o chi per esso), aveva deciso di farci perdere, infatti non fischia un fallo di Berardi e sull’azione che si sviluppa il Sassuolo si porta sul tre a due. Sarebbe stata una enorme beffa!

L’arbitro chiude con la ciliegina sulla torta: non concede il recupero per i minuti persi per l’intervento del Var.

Il Napoli continua ad essere penalizzato dagli arbitri. Non è più ammissibile. Richiedo a gran voce l’intervento del presidente. Non si può continuare a subire.
Il Napoli gioca al calcio con qualità e spettacolo, gli altri fanno un altro sport. Anche stasera il Sassuolo per fermarci ha usato un altro sport: il rugby!
Parlo dell’azione ad inizio partita su Lobotka placcato alle spalle da un giocatore nero verde: non ammonito (gravissimo). Successivamente su Lozano lanciato direttamente da Ospina, un giocatore del Sassuolo effettua un ottimo placcaggio ai danni del Chuki, in questo caso l’arbitro non ha potuto fare a meno di ammonire.

Stasera voglio dare la palma di migliore in campo a tutti, con una menzione particolare per Lobotka, che è sembrato un altra persona, un altro giocatore, complimenti ragazzo!
Quando ci ritorneranno e chi ci ritornerà i punti che ci stanno “sottraendo” ?

Meglio chiudere. C’è bisogno di questa notte per recuperare le energie mentali e fisiche, e prepararsi per la prossima partita sabato al Maradona contro l’Atalanta.

 

Forza scugnizzi

 

 



 

 

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

More in Editoriale